21/04/2109. I vostri prodotti PPE saranno in regola con la norma EN388:2016? Eccovi una rapida guida per essere pronti


21/04/2109. I vostri prodotti PPE saranno in regola con la norma EN388:2016? Eccovi una rapida guida per essere pronti

01/03/2019

1. Cosa sta per succedere alla norma EN388?
 
Nel 2016 l’Unione Europea ha adottato una nuova norma nel campo dei PPE, la EU 2016/425. Con questa decisione la UE ha anche deciso la deadline per la direttiva 89/686/EEC: Aprile 2019.
Per i prodotti esistenti non è necessario farli certificare nuovamente, ma allo stesso tempo l’ordinanza 2016/425 richiede che qualunque certificazione debba essere certificata come segue:
- In base alla direttiva, i PPE prodotti ed immessi sul mercato prima del 21 Aprile 2019 potranno continuare ad essere venduti oltre questa data, ed i loro certificati EC resteranno validi fino al 21 Aprile 2023.
- In base alla direttiva, i PPE prodotti prima del 21 Aprile 2019 ma immessi sul mercato dopo il 21 Aprile 2019 dovranno essere in linea con la nuova norma e di conseguenza dovranno essere certificati nuovamente.
Inoltre, è raccomandabile rinnovare i certificati se più vecchi di 5 anni al fine di prevenire qualunque possibile difficoltà con le amministrazioni e dogane statali.
 
2. Questi cambiamenti impatteranno i miei prodotti per la sicurezza contro il taglio?
 
La risposta è si se i vostri PPE hanno il seguente marchio:
 
 
3. Perché l’UE sta modificano la norma EN388?
 
Nel 2016 sono stati introdotti diversi aggiornamenti alla norma EN388 e ANSI/ISEA 105 cosi da rendere gli standard legati ai livelli di taglio più precisi ed affidabili per tutti i prodotti pensati per proteggere le mani. I cambiamenti sono stati creati per aumentare l’armonia tra i metodi dei test UE/ANSI e le classificazioni dei diversi livelli di performance del prodotto per offrire standard di paragone più chiari nel mercato globale. 
 
EN388:2016
 
Precedentemente la norma EN388:2003 classificava la resistenza al taglio servendosi di risultati legati allo svolgimento del coupe test. Questo test usa una lama circolare con un carico di 5N con un movimento che va avanti ed indietro sul campione da analizzare. L’indice di taglio è determinato calcolando il numero di cicli necessari per tagliare attraverso il campione analizzato.
 
 
Il coupe test ha dimostrato però di non essere affidabile per quei materiali ad alta resistenza in grado di smussare la lama durante il test. Per questo motivo il fu introdotto il metodo di test ISO 13997:1999. Il nuovo standard EN388:2016 impone la necessità di condurre il test descritto dalla norma ISO 13997:1999 per stabilire la classificazione di protezione se i dati ottenuti durante il coupe test dimostrano che la lama è stata smussata.
 
Il test ISO 13997:1999 è condotto con l’utilizzo dello strumento TDM e usa una singola lama a filo diritto che trafigge il campione in una direzione e ad una velocità predeterminata. Una volta che la lama attraversa il campione viene misurata la profondità raggiunta dalla lama. Vengono poi utilizzate una gamma di carichi durante il test e differenti distanze di penetrazione in base alla forza usata (espressa in Newtowns), questi valori vengono mappati su un grafico che quantifica la forza necessaria per trafiggere fino a 20mm il materiale testato. Questo metodo è quello raccomandato per tutti quei materiali ad alta resistenza al taglio dato che la lama viene usata una volta sola (eliminando il rischio di smussatura lama) e la varietà dei carichi può essere utilizzata durante tutto il test invece del carico fisso di 5 Newtons del coupe test.
 
 
Il nuovo standard della norma EN388:2016 ha introdotto una nuova scala di valutazione quando viene utilizzato il metodo ISO 13997. La protezione al taglio è definita da 6 livelli indicati con lettere (dalla A alla F) rispetto alla precedente scala numerica (da 1 a 5). Ciò consente di valutare risultati più bassi ottenuti con il TDM, mentre lo standard della norma EN388:2003 garantiva solo fino al 4 livello (13 – 22N) o il 5 (>22N).
 
Anche le aree legate all’analisi dell’impatto e dell’abrasione sono state soggette a cambiamenti. Infatti la EN388:2016 ora include una metodologia di test mutuata dagli standard legati alla protezione contro gli impatti in motocicletta definita nella norma EN13594:2014, mentre per il test di abrasione vengono ora utilizzate carte abrasive più affidabili per valutare la resistenza dei guanti.
 
4. Possiamo aiutarti?
 
Se avete domande riguardanti le nostre soluzioni per la sicurezza personale potete contattare i membri del nostro team, Giovanni Nalesso e Roberto Presotto o visitarci al seguente indirizzo:
 
https://lnkd.in/dN8ENQM